| 

Lo Sport come antidoto contro la sindrome “hikikomori”

L’attività sportiva, insieme a una attenta farmacovigilanza, antidoto a istinti che possono portare a suicidalità, violenze e altre forme di comportamenti violenti, anche autolesionistici, per persone che soffrono di ritiro sociale. In particolare persone con sindrome di “hikikomori” migliorano rapidamente con un trattamento che include l’interruzione di antidepressivi e una sana attività sportiva di squadra….

L’attività sportiva, insieme a una attenta farmacovigilanza, antidoto a istinti che possono portare a suicidalità, violenze e altre forme di comportamenti violenti, anche autolesionistici, per persone che soffrono di ritiro sociale.

In particolare persone con sindrome di “hikikomori” migliorano rapidamente con un trattamento che include l’interruzione di antidepressivi e una sana attività sportiva di squadra.

Ecco un interessante articolo da ACSI Magazine n.81

Condividi sui Social Network:
Share

Articoli simili